Origini del Ragdoll

Le origini del Ragdoll  risalgono ai primi anni 60 ad opera dell’allevatrice californiana Ann Baker. La mamma ancestrale di tutti i ragdoll fu Josephine, una gatta di tipo angora/persiano, semi selvatica, di proprietà dei vicini di casa dell’allevatrice. Alcuni cuccioli nati da Josephine mostravano un carattere particolarmente dolce e arrendevole tanto che la Baker ne rimase colpita e, pensando che quei gattini avessero qualcosa di speciale, ne comprò alcuni.

Il maschio che si accoppiò la prima volta con Josephine è rimasto sempre ignoto, si pensa che potesse trattarsi di un gatto colourpoint guantato di tipo Birmano o di un Persiano Himalaiano. Da Josephine e da questo gatto sconosciuto nacquero Daddy Warbucks seal mitted, Fugianna bicolor e Buckwheat una gatta scura. Partendo da questi gatti Ann Baker, dopo un lungo e attento lavoro di selezione, riuscì a ottenere le tre varietà colorpoint, mitted e bicolor che oggi conosciamo ed iniziò ad allevare con affisso Raggedy Ann.

Nel 1971 la Baker fondò un proprio organo di registrazione chiamato International Ragdoll Cat Association (IRCA).

Nel 1975 brevettò il nome Ragdoll definendo in modo preciso le regole di allevamento, i colori del mantello e le varietà e iniziò a cedere esemplari da riproduzione con contratti molto restrittivi. A causa di queste pesanti restrizioni alcuni allevatori decisero di interrompere ogni collaborazione con lei continuando comunque ad allevare e a far conoscere la razza anche attraverso le esposizioni feline. Tra questi allevatori vi furono i coniugi Dayton dell’allevamento Blossom Time  che contribuirono a salvaguardare e diffondere  il ragdoll tradizionale che oggi conosciamo: gatti point nei colori seal, blu, chocolate e lilac nelle varietà colorpoint mitted e bicolor, senza incroci con altre razze. A Danny Dayton dobbiamo la “Genetic Chart”, un database unico ed importantissimo.

In Italia il Ragdoll è arrivato negli anni 90 ad opera della signora Florence Lombardi e di suo figlio Sean, allevamento Bambole.

Nel 1992 la razza è stata riconosciuta dalla Fife.

Il mio Affisso

Il mio obiettivo

Amo il Ragdoll e spero di contribuire alla selezione ed alla diffusione di questa meravigliosa razza. Il mio obiettivo principale è rivolto a preservare le linee tradizionali nel pieno rispetto della salute, del carattere e dello standard